INTRODUZIONE
MASTER IN INTELLIGENCE ECONOMICA

Una decisiva priorità delle aziende italiane di fronte ai mercati aperti è quella di contrastare le minacce derivanti da attori economici esterni altamente competitivi e aggressivi.

L’enorme quantità di informazioni presente nei canali on line e off line (Data Rich) è la più grande ricchezza potenzialmente disponibile del nostro tempo.

Tuttavia tale opulenza è di difficile decifrazione o quantomeno di problematica valorizzazione per la Media impresa nazionale. La PMI è inoltre sempre più vulnerabile agli attacchi cyber (cyberwarfare) e all’incremento esponenziale delle attività di spionaggio industriale e tecnologico sia sul fronte della concorrenza internazionale, sia su quello della competizione interna tra aziende nazionali.

La crescente dimensione cognitiva delle questioni commerciali implica un’alta competenza interpretativa e operativa per poter trasformare le ingenti mole di dati in indicatori di performance utili al business e a una nuova organizzazione dell’azienda pubblica e privata (si pensi all’anomaly detection nei diversi dipartimenti volta a ottimizzare la produttività dei fattori).

Custodire le conoscenze, le informazioni strategiche, significa sottrarle alla dissipazione, al depauperamento e all’accesso indesiderato.

Proteggere il patrimonio di conoscenza da chi intende impossessarsene illegittimamente, ma anche da chi può approfittare della debolezza finanziaria o giuridica del proprietario.

I fattori strategici della competenza sono tali solo se impegnati costantemente, per la loro stessa evoluzione, nell’aggiornamento e nello sviluppo. L’alternativa alla crescita nel tempo è l’annullamento del valore, non il suo consolidamento.

Chi possiede le informazioni e le utilizza vince, non solo per se stesso ma per l’intero sistema nazionale e geopolitico di riferimento. Chi non vince, viene vinto. Lo stato di neutralità non è contemplato nella guerra economica in corso.

Quanto esposto motiva la forte domanda, largamente disattesa, di figure professionali coerenti con l’espandersi planetario della riproduzione della ricchezza e delle relative guerre commerciali.

PER INFORMAZIONI

ORIENTAMENTO PROFESSIONALE

Competitive Analyst. Data Scientist. Analista geoeconomico e geopolitico. Responsabile Cyber Security, Gestore della Security. Analista di informazioni da fonti aperte (Data Mining). Spin doctor (Influenza nel mondo della comunicazione). Analista del rischio commerciale.

A CHI È RIVOLTO

Neolaureati dei corsi di laurea (Si privilegiano lauree in Economia, Ingegneria, Statistica, Matematica, Diritto), dirigenti, quadri e funzionali pubblici desiderosi di intraprendere una carriera nel mondo dell’impresa, nei dipartimenti di relazioni istituzionali, commerciali e corporate strategy.
Professionisti che necessitano di un aggiornamento specifico.

CARATTERISTICHE TECNICHE INSERIMENTO

Master a numero chiuso: 20 alunni
CV
Certificato di laurea con punteggio.

STRUTTURA E DURATA

6 mesi. Da settembre 2019
Moduli, due giorni full time al mese in aula con lezioni frontali weekend (venerdì e sabato dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18)
Test per ogni modulo link col successivo
Materiale e lezioni online per tutta la durata del master
Convegno-dibattito sulle tesi finali degli allievi.

WORKSHOP. CASE HISTORY

Inhouse trainings formativi.
Una parte fondamentale del Master è rappresentata dalla sperimentazione diretta da parte degli allievi nella risoluzione di casi critici affrontati da aziende e amministrazioni pubbliche, al fine di integrare competenze teoriche e pratiche “sui campi” della battaglia commerciale.
Gli incontri sono organizzati con i vertici delle aziende partner dell’Istituto e consentono di inaugurare insieme alla specifica finalità didattica un vincolo relazionale tra la dirigenza delle imprese coinvolte e i discenti.

I

L’intelligence economica come strumento interpretativo dei mercati
Stato di fatto e ipotesi di proiezione future della guerra economica
Il cyberspazio quale luogo della guerra commerciale. Cyber Intelligence

II

Security analytics applicazione della big data analytics per la sicurezza aziendale. Cyber Security
Big Data per la PMI: un approccio su misura (“taylored”)
Internet of Everything e Dati personali: la vera ricchezza dell’attualità. La simbiosi rivoluzionaria tra Big Data e A.I.

III

Strategie di Business Intelligence. Risk assessment degli investimenti all’estero.
Metodi di ricerca di informazioni su Rete e di monitoraggio. Deep Web
Gestione della realtà cognitiva. Iniziative di influenza e di discredito nella comunicazione.
Public immage (informazione e controinformazione).
Contrasto/gestione delle operazioni di destabilizzazione commerciale

IV

Lobbying e relazioni istituzionali
La percezione dell’intelligence. Le agenzie di stampa e i media in generale
Tecniche di Data Mining e Blockchain quale approccio metodologico al risk management.

V

Il sistema informativo: insider illegal networks security, intelligence detecting resources
Intercettazioni e privacy, una sfida normativa e il piano giuridico. Intelligence e Law
Riferimenti al Regolamento Generale UE per la protezione dei dati (GDPR)

VI

Educazione/cultura di Intelligence
Intelligence e democrazia. Ipotesi difensive contro l’ipertrofia giuridica e burocratica di fronte all’ accelerazione della concorrenza globale
L’analista di intelligence, il data scientist e il de bunker: quali impieghi?

** Per alcuni moduli sono previste delle simulazioni attraverso “operazioni mimate”.
Weekend con un venerdì e un sabato al mese.

PER INFORMAZIONI

Uno dei degli aspetti più rilevanti nel contesto della guerra cibernetica è certamente la destabilizzazione economica che può arrecare alle imprese, destabilizzazione che può arrecare danni per centinaia di milioni di euro. Proprio per questo le aziende devono investire sempre di più, e meglio, nella sicurezza informatica.

Consigliamo:

L’Intelligence economica può salvare la PMI

Doppia moneta per salvare l’italia. L’intervista all’economista Warren Mosler

DOCENTI E TUTOR IASSP

Massimo Nava

Giornalista, saggista e scrittore

Alessandro Monchietto

Coordinamento Master

Mario Mauro

già Ministro della Difesa e senatore al Parlamento EU

Antonio Maria Rinaldi

Docente Ingegneria Elettrica e delle Tecnologie dell'Informazione

Stefano Mele

Responsabile del Dipartimento di Diritto delle Tecnologie, Privacy, Cybersecurity e Intelligence

Diego Fusaro

Filosofo e Saggista

Andrea Vento

saggista e giornalista

Sergio Vento

"già Ambasciatore a Belgrado, Parigi, Nazioni Unite New York e WASHINGTON" nonché già Consigliere Diplomatico della Presidenza del Consiglio" (dal 1992 al 1995)

Giacomo Stucchi

Già Direttore Copasir

Umberto Saccone

Ceo Ifi Advisory (già direttore Security ENI)

Nicolò Russo

Data Scientist

Ivan Rizzi

Presidente IASSP

Costante Portatadino

già Deputato e Ceo Fondazione Europa Civiltà

Alessandro Politi

Saggista. già Direttore dell’Osservatorio scientifico “Nomisma”

Umberto Malusà

già Direttore Comunicazione Internazionale Finmeccanica

Pier Francesco Guarguaglini

Presidente di Gpm3srl, già presidente A.D. di Finmeccanica

Marco Giaconi

Analista Strategico

Laris Gaiser

Docente di Studi sulla Sicurezza, membro dell'ITSTIME presso l'Università Cattolica di Milano

Giuseppe Gagliano

Presidente Centro Studi Strategici Carlo De Cristoforis

Dario Fabbri

giornalista e analista internazionale

Vincenzo Camporini

Generale C.A., vicepresidente Istituto Affari Internazionali, già Capo di Stato Maggiore della Difesa e Presidente CASD

Paolo Berra

Fisico nucleare, Ceo Sicas

Gabriele Albertini

già Presidente della Commissione Affari Esteri al Parlamento Europeo. Senatore

RELATORI E TUTOR

Roberto Siagri

Co-fondatore di Eurotech S.p.A.

Vito Gulli

CEO e Presidente di Generale Conserve S.p.A.

Ezio Vergani

Presidente Asco Pompe

Simone Santini

Vice President Sales di Adidas

Riccardo Palmisano

Chief Executive Officer di MolMed S.p.A.

Lelio Gavazza

Executive Vice President Sales and Retail Bulgari

Stefano Venturi

Presidente e AD Hewlett Packard Enterprise Italia

Paolo Scudieri

Presidente Gruppo Adler-Hp Pelzer

SIVE SPES

“Senza una crisi non c’è sfida. Senza sfide, la vita diventa una routine, una lenta agonia. Non c’è merito senza crisi. È nella crisi che possiamo realmente mostrare il meglio di noi”       (“Il mondo come io lo vedo” Einstein, 1931).

Borse di studio

L’assegnazione delle Borse di studio sarà oggetto di valutazione di idoneità da parte del Comitato Scientifico dell’Istituto.

Costi di iscrizione

Il costo del master è di € 3.500,00 (tremilacinquecento/00) più IVA

  • Il Master di Intelligence Economica è a numero chiuso e il processo di selezione viene svolto dal Comitato Scientifico. L’ammissione è ad esaurimento posti. (Seguendo la valutazione risultante dall’iter di selezione). Qualora il discente volesse ritirarsi dal Master dopo essersi iscritto, potrà presentare la domanda di rinuncia presso la nostra Segreteria inviando una raccomandata A/R al seguente indirizzo: IASSP Via Vittor Pisani, 6 – 20124 Milano. L’atto di rinuncia è irrevocabile e la sua formalizzazione per iscritto deve essere esplicita, senza aggiunta di condizioni o termini. La quota versata al momento dell’iscrizione sarà restituita per un importo pari al 50%, se il diritto di recesso viene esercitato entro il termine di 14 giorni dalla data del bonifico, attraverso le modalità indicate.
  • Alla presentazione della domanda di rinuncia, si è tenuti al pagamento dell’intera quota di iscrizione o delle rate stabilite e non versate qualora non si sia proceduto a formalizzare il recesso. Nel caso di dilazione del pagamento, la modalità di restituzione quote segue lo stesso criterio, verrà corrisposto il 50% dell’ultimo importo versato.
  • Esente da finalità di carriera accademica

Richiedi informazioni